Paura di invecchiare

di Diana Nicastro

Non permettete MAI che vi si giudichi per il vostro aspetto e che vi giudichi chi nella vecchiaia non sa entrare, quindi la teme. Posso dire che oggi ho l'età per avere il coraggio di essere me stessa senza attendere le conferme e i rimandi di tutto il mondo là fuori. Penso ad Adriano della Yourcenar, alla Yourcenar stessa e a chiunque questo coraggio abbia saputo prenderlo. Tra le tante paure legate al mio invecchiare, vedo anche questa, che mi toglie la forza di essere un modello, di essere la vecchia donna saggia che, nelle culture molto diverse dalla nostra, è una preziosa risorsa per il gruppo in cui vive. Mi viene da pensare che un po' già lo siamo, questa risorsa, ma senza saperlo, senza riconoscercelo, proprio per quella stupida paura del giudizio altrui, di chi parla un linguaggio che riconosce solo i canoni più affioranti della nostra società: bellezza, efficienza, potere, giovinezza. Ma poi noi balliamo, cantiamo, ci incontriamo e confrontiamo, seguiamo con determinazione strade diverse che continuino a farci crescere secondo il ritmo e la ricchezza insiti nel passare dei nostri anni. E all'esterno quindi comunichiamo capacità, fiducia, entusiasmo e vitalità, nonostante le braccia flosce. E che caspita saranno mai le braccia flosce di una donna che sa trasmettere entusiasmo e libertà a chi è più giovane ed è impegolato in tutti gli esigenti passaggi della vita adulta, che costruisce una famiglia, una carriera di lavoro, il centro di una rete? Noi gli stiamo già  dando l'idea che dopo, quando saranno più vecchi, ci saranno ancora un sacco di cose da conoscere e condividere e che il passare degli anni e il loro effetto non finiranno per chiuderli in macchiette di signore dedite a pasticcini e nipotini. Questo coraggio di dichiarare la ricchezza che siamo, per noi e per il mondo fuori, per me è più facile prenderlo se so che serve ad altri oltre a me.E punto: invece di parlare di paura, ho parlato di coraggio, e un po' anche di amore, che della paura è il contrario. Ma il mio elenco di paure lo sto componendo, per conoscerlo meglio, stracciarlo dove e se posso, respirarlo e calarlo dentro le mie rughe dove invece non è possibile.